Le Origini Storiche

Le leguminose

Accanto ai cereali uno spazio molto importante nell’alimentazione era occupato dalle leguminose, che potevano garantire il sostentamento di un numero considerevole di individui. Il farro, l’orzo, il miglio tostati al forno o pestati nel mortaio, costituivano la base per alimenti semplici e complessi; piselli, lenticchie e fagioli venivano consumati in grande quantità nella preparazione delle zuppe e conservati in salamoia o sotto aceto, per assicurarsene disponibilità durante tutto l’arco dell’anno. L’elevato consumo di legumi compensava la totale assenza della carne, almeno sulle tavole dei più poveri. Come faceva notare Giovenale (60-140 d.C.) l’unica carne che i plebei potevano permettersi era, nei giorni di festa, una schiena di porco seccato o un pezzo di lardo.